Oroscopo di febbraio

22 gennaio 2012

Eccoci, dopo 2 msi di sciopero, di nuovo qui con l’oroscopo dei nati sotto il segno della nutria. Il calo di visite sul nostro blog ci spinge a tornare sui nostri passi, anzi sui passi della nutria.
Meteo; la neve che cadeva copiosa nei film di Natale, stavolta arriva davvero. La nutria non guarda la TV e sa bene che a Natale di solito non c’è neve.
Politica; la Lega farà una grande manifestazione Roma, i padani marceranno compatti sotto lo slogan “al lupo al lupo”. Poi chiederanno il congresso per contarsi, ma prima dovranno iscriversi al Cepu per imparare la matematica. Il trota si salverà nuotando da un naufragio (non sappiamo se si tratti del naufragio della Lega stessa). Berlusconi non vuole elezioni anticipate, se cade il parlamento rischia di dover pagare di persona i suoi avvocati e le signore eleganti… Quindi continuerà a fingere di volere le elezioni, accontentandosi di spaventare la borsa (che purtoppo non è la sua).
Amore; state percorrendo una strada tutta in discesa, ma c’è ghiaccio!
Salute; vedi sopra.
Viaggi; prima di partire assicuratevi di avere i soldi per tornare!

Annunci

Veneranda età

19 gennaio 2012

Uno dei pochi vantaggi della mia età è che delle cose che ignoro posso dire di averle dimenticate


riflettete gente

19 gennaio 2012

Saggezza impopolare; se i nodi non vengono al pettine, il pettine va ai nodi


Bassa Lega

14 gennaio 2012

La lega è la madre di tutte le contraddizioni, ora ha il mal di pancia e vedremo dopo il parto cosa ne uscirà..
(sul tema “forcaioli” Bossi ha lingua biforcuta, oppure non ricorda il 1993 in parlamento)


Proverbio

14 gennaio 2012

Il primo cane che abbaia ha fatto le pulci!


la mia foto

11 gennaio 2012


Vi potevo “imnestrare” qualche storiella esoticoanimalista, bastava togliere dalla foto la cascina sulle spalle, invece resto alla pura cronaca. Stamattina, località Corticelli, comune di San Secondo parmense: dalla strada vediamo questo strano bestione che mostra le sue terga. Fermo macchina (nel senso di auto) e afferro subito l’altra macchina (fotografica e pure digitale). In primis pensiamo ad un orso, poi no! Sarà un cinghiale dico io e mi avvicino con l’obiettivo dichiarato (quello della fotocamera), vedo subito che la bestia non scappa, ed escludo quindi l’opzione cingalesca, poi gli vado davanti e riconosco in Lui un maiale, se ne vedono tanti ma non con queste sembianze. Continua a brucare l’erba (brinata poi) e non mi fila per nulla (delusione…). Si è un maiale, ed a riconoscimento avvenuto scatto, ma fotografico, e giro i tacchi nella sua totaloe ed ostentata indifferenza. Mi chiedo se il bestione sia consapevole del fatto che pochi suoi simili sono arrivati al 2012, ma direi di no; altrimenti avrebbe avuto lui paura di me…


Composizione invernale di mezzodì

5 gennaio 2012

Mentre un sole timido e sfuocato sale
dai rami scende la galaverna
in su la terra a ticchettar