Oroscopo 2011

30 dicembre 2010

Il 2011 porterà tanto carbone e petrolio ai bimbi buoni e a quelli cattivi, e tanta anidride carbonica, infatti siamo indietro con le energie alternative.

I nati sotto il segno della nutria vivranno un altro anno di ristrettezze, molti tireranno la cinghia, molti tireranno le cuoia, alcuni la cinghia se la mangerrano proprio.

I nati sotto il segno della nutria non seguiranno la moda, amano andare contro corrente, che è anche un modo per consumare più energie e quindi dimagrire.

La caritas aumenterà considerevolmente il numero dei pasti da distribuire e sarà quotata in borsa della spesa.

salute; se la vostra esistenza si fa sempre più buia controllate di avere pagato la bolletta ENEL.

Amore; se vi sentite soli e la vostra casa è sempre più fredda, controllate la chiusura di porte e fineste.  Se sono tutte chiuse controllate il funzionamento della caldaia.  Se non avete pagato il gas è inutile attaccarsi alla canna del gas, cercate di resistere fino ad aprile, la vostra vita cambierà.

Soldi; prima o poi vi accorgerete che le tasse continuano ad aumentare e Silvio vi ha preso per i fondelli per una ventina di anni con la storia “ridurremo le tasse”

Viaggi; Finalmente potrete risparmiare, restate a casa.

Annunci

la strada del tramonto

29 dicembre 2010

Berluscoioni è sulla via del tremonti?


Oroscopo natalizio.

21 dicembre 2010

Devo confessare di avere erroneamente diagnosticato sull’oroscopo di dicembre la caduta di Berlusconi.  Berlusconi non cade; dorme.  Non è riuscito (pare) a camminare sulle acque e neppurea  moltiplicare i pani e i pesci, invece è riuscito ad addizionare i deputati.  Purtroppo le nostre previsioni (errate) erano di carattere politico, mentre l’accaduto in parlamento afferisce a fatti che hanno più a che fare con la paragnostica, materia che non conosciamo.  Or non ci resta che immaginare papi natale che di stribuisce (altri) doni con la sua slitta trainata dalle escort..

le strenne e ste renne...


Note a margine

20 dicembre 2010

Cosa dicono i nostri politici di se stessi:

1) D’Alema; “non moriremo democristiani”

2) Bindi; “non moriremo comunisti”

3) Berlusconi; “non moriremo”

AMEN


Leo

19 dicembre 2010

Questo è il mio cucciolo di lagotto romagnolo nato in agosto 2010. Mai visto neve!


Scilipoti

15 dicembre 2010

Scilipoti

Udite l’inaudito, avete presente Scilipoti?  Scilipoti chi?  Quello già di Italia dei Valori, quello talmente fiducioso da avere votato la fiducia a Colui che ha.  Oggi è stato intervistato su Radio Popolare.  Ha detto alcune cose, anzi tante, forse troppe; tanto basta perché l’intervistatrice non riuscisse neppure ad avere il tempo di formulare domande.  Scilipoti (da qui in poi “Sci”) ha spiegato di essere stato “eletto dal popolo”.  Fa niente se un altro parlamentare in questi stessi giorni (credo del PD ma non ricordo), intervistato per Repubblica, ha detto molto correttamente di essere “nominato” più che eletto.     Ricordiamo a Sci che in parlamento lo ha messo Di Pietro, forse ricorderà che gli elettori col Porcellum (Calderollum) hanno scelto SOLO il partito non potendo dare preferenze: onorevole si sforzi di ricordare, la prego.  Ma torniamo a noi, anzi a lui: “noi siamo stati eletti per fare gli interessi dell’Italia e non per fare gli interessi di un gruppo, di un partito, non per personalismi (lo dice pure Berlusconi, n.d.a.)…. Si vada a vedere quello che ho fatto in questi due anni al parlamento se mi si vuol giudicare, mica come quei politici che sono qui da quarant’anni ; si faccia spiegare da loro cosa anno fatto in quarant’anni, la situazione è grave, ci sono stati disordini (mentali? N.d.a.), ci vuole responsabilità..”  Poi l’intervistatrice cercava di spiegare (fin troppo buona ma esageratamente paziente) che non voleva sapere se a lui hanno pagato il mutuo ma piuttosto ..( e lui intanto continuava a parlare con veemenza, concitatissimo) “se non gli sembrava di avere tradito i suoi elettori che presumibilmente lo hanno mandato in parlamento in funzione antiberlusconiana”.  Dopo questa domanda Sci ripeteva, credo, la sua tiritera.  Ero in auto, scusate, ho spento e sono andato a timbrare il mio cartellino.  Beh una cosa così, lo dico da elettore, è proprio indigesta.  Monsignor Fisichella, la prego, se crede, contestualizzi lei, io “ho da far cose più serie” o forse non sono in grado ….

Dimenticavo: sul sito di Repubblica di oggi l’intervista ad alcuni stranieri che, a quanto pare, sono stati pagati da Sci per “manifestare” a favore del committente, con cartelli ecc.


Cassa.

13 dicembre 2010

“Il signor Tizio è pregato di passare alla cassa” (si è disperso un cadavere).